I Punti di Forza dell’Outsourcing

I Punti di Forza dell'Outsourcing

Quando si parla di Outsourcing ci si riferisce all’esternalizzazione di alcune funzionalità – solitamente servizi – che non vengono svolte all’interno dell’azienda.

Non si tratta di una semplice “moda manageriale” che resterà in vigore per qualche mese, ma di un fenomeno destinato a durare nel tempo, a seguito dei mutamenti avvenuti nella gestione delle attività. Siamo passati, infatti, da un’impresa fortemente integrata al suo interno a un’impresa con struttura a rete.

Per applicare correttamente l’outsourcing esistono sostanzialmente due approcci: il primo è quello “dedicato”, il secondo è quello “condiviso”.

L’Outsourcing Dedicato viene applicato da un team di lavoro che opera esclusivamente per una determinata azienda. Solitamente si tratta di Personale Vendite impiegato dall’Outsource Service Provider. Nell’Outsourcing Condiviso, invece, l’ente lavora per più aziende clienti.

Scegliere il metodo più adatto è abbastanza complesso e allo stesso tempo molto importante, soprattutto in una fase iniziale di collaborazione con organi esterni.

Dopo attente valutazioni e vari tentativi, è possibile adottare l’approccio più adatto per la propria azienda. Capita spesso di optare per una combinazione dei due approcci.

Vantaggi ‘Dedicati’ vs Vantaggi ‘Condivisi’

Qui troverai descritti i vantaggi dei “Sistemi di Outsourcing Dedicati”.

  • Incremento Loyalty: quando un organo esterno si dedica esclusivamente alla tua azienda, aumentano anche i livelli di collaborazione e fiducia, come se si trattasse proprio di un comparto interno.
  • Conoscenza più approfondita del prodotto e dell’organizzazione: l’ente esterno, dedicandosi esclusivamente ad un’unica azienda cliente, conosce meglio le dinamiche dell’organizzazione e le caratteristiche dei suoi prodotti.
  • Maggiori servizi di Up Selling e Cross Selling: l’Up Selling consiste nel fornire al cliente un’idea superiore rispetto a quella di partenza. Il Cross Selling, spesso, è una diretta conseguenza, dato che consiste nel vendere prodotti aggiuntivi al consumatore rispetto a quelli che pensava di acquistare.
  • Partnership strategica di lunga durata: Con l’azienda si instaura un rapporto talmente profondo e duraturo, da permettere di capire quali sono le soluzioni migliori per valorizzare le sue strategie commerciali.

Ora invece descriverò i vantaggi dei “Sistemi di Outsourcing Condivisi”.

  • Economie di scala a costi ridotti: dato che lo stesso servizio viene offerto in maggior quantità, automaticamente i costi si riducono secondo la famosa “legge del mercato”. Il prezzo è inversamente proporzionale all’offerta di un determinato prodotto.
  • Accesso a conoscenze specialistiche di un determinato settore industriale o di mercato: in questo caso l’outsourcing è in grado di fornire una valutazione più globale su un intero settore commerciale e riesce a consigliare i prodotti più adatti per una strategia commerciale efficace.
  • Maggiore flessibilità di fronte ai cambiamenti: un ente che adotta un sistema condiviso e che soddisfa quindi le esigenze di molti clienti, deve considerare ogni minimo movimento dei concorrenti ed essere molto elastico di fronte a improvvisi cambiamenti o nuove tendenze.

I 3 Requisiti Fondamentali dell’Outsourcing

Non importa quale approccio sceglierai per la tua azienda, ma non puoi assolutamente trascurare questi requisiti fondamentali delle tecniche di Outsourcing.

  1. Chiarezza nelle ResponsabilitàAll’interno di un’organizzazione tutti devono sapere con esattezza quali funzioni e responsabilità prevede il loro ruolo.Inoltre, bisognerà stabilire dei tempi entro cui svolgere determinate mansioni. Risulterà fondamentale riuscire a coordinare i lavori, soprattutto se si tratta di una grande realtà aziendale. Senza una buona organizzazione e una giusta ripartizione dei compiti, si rischia di fare un lavoro inefficiente e sprecare risorse. Bisogna sempre cercare di massimizzare la produttività, minimizzare i costi e l’uso delle risorse.
  2. Personale QualificatoI due approcci di outsourcing sono profondamente diversi tra loro ed è difficile che un operatore abituato a lavorare in organi esterni dedicati possa svolgere lo stesso ruolo in sistemi esterni condivisi.Per questo motivo deve essere coinvolto personale qualificato, che abbia le giuste competenze e che si adatti nel migliore dei modi al settore commerciale in cui si trova.
  3. Creare Solidi RapportiL’organo esterno deve essere in grado di costruire solidi rapporti con i propri clienti, fondati su una forte collaborazione reciproca, così da soddisfare gli interessi di entrambe le parti coinvolte.Nel caso dell’approccio dedicato – dato che vengono prestati servizi a un’unica realtà – è indispensabile cercare di personalizzare al massimo le proprie attività, in modo da avvicinarle alle Strategie dell’azienda cliente.Anche nell’approccio condiviso, comunque, è fondamentale avere un buon rapporto con le proprie aziende clienti. Solitamente l’outsourcing condiviso è più economico, ma implica anche una maggiore concorrenza, per cui un’azienda potrebbe di decidere di rivolgersi ad altri enti in qualsiasi momento.
    Non cadete nel ragionamento sbagliato “Beh, se un’azienda non è soddisfatta del mio servizio, posso comunque cercarne altre”. Anche il passaparola ha un ruolo determinante all’interno del mercato e se i clienti si sentono trattati male tenderanno a ricordarlo nel tempo, facendovi una cattiva pubblicità.

Queste, quindi, sono le “3 caratteristiche di base” di cui un outsourcing che si rispetti deve tenere conto, indipendentemente dall’approccio scelto. 

Conclusioni

L’Outsourcing è al giorno d’oggi indispensabile per molte realtà commerciali.

Pensa a un’azienda che vende prodotti informatici: difficilmente avrà al proprio interno un comparto che si occupa esclusivamente della programmazione dei software, ma li acquisterà già realizzati da enti esterni. Se ha bisogno di un software standard si rivolgerà a un organo che offre lo stesso prodotto a più clienti, mentre se desidera un software su misura si rivolgerà a un’azienda specializzata.

Spero che l’articolo ti sia piaciuto! Mi piacerebbe conoscere la tua opinione in merito, pertanto ti invito a lasciare un commento nello spazio sottostante. Sarò lieto di avere un confronto con te su questa tematica. 🙂 

Inoltre, ecco per te altri interessanti blog post dedicati alle Tecniche di Vendita:

Tecniche di Vendita – Le 5 Competenze Fondamentali di un Venditore Vincente disponibili per te e il tuo Business

Tecniche di Vendita – Come Trovare Nuovi Clienti per la tua Attività

Pensa in Grande!

Alessandro Ferrari


Author: Alessandro Ferrari

Autore, Imprenditore e Formatore esperto in Comunicazione, Tecniche di Vendita e Inbound Marketing.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *